Appliques provenzali

Come scegliere e dove collocare le appliques provenzali, per illuminare nel migliore dei modi ogni stanza e per impreziosirne le pareti con gusto ed eleganza

Le appliques provenzali, altrimenti chiamate lampade da parete, sono una delle opzioni possibili da adottare nella creazione della giusta illuminazione per la propria abitazione arredata seguendo i dettami di questo stile. Le appliques possono rappresentare l'unica fonte di luce di una stanza oppure possono essere abbinate a lampade da terra o a lampadari da soffitto. A volte sostituiscono le lampade da tavolo, specialmente in camera da letto.

Immagine tratta da:
http://www.langolodiprovenza.it

Le appliques sono costituite da diversi elementi. Il primo e più importante dal punto di vista estetico è il rivestimento con cui viene coperto il buco effettuato nella parete per collegare l'applique all'impianto elettrico. Nelle appliques provenzali questo elemento viene usato per caratterizzare l'intera lampada, attingendo a piene mani all'ispirazione del Sud della Francia. Il legno, materiale usatissimo in Provenza, viene spesso impiegato anche in questo caso. Rivestimenti in legno sono di frequente trattati con la lavorazione decapé, che crea un effetto di finta usura e si intona alla perfezione ai mobili su cui è stata effettuata la stessa lavorazione. Spesso si realizzano anche rivestimenti in metallo, che solitamente viene dipinto con colori neutri.

I rivestimenti possono essere realizzati con forme e decorazioni diverse. Per una camera da letto particolarmente romantica, ad esempio, si possono scegliere rivestimenti a forma di cuore, con piccoli decori ispirati alla natura, quali foglie e fiori. Solitamente però si predilige una forma tonda oppure ovale, che può essere più o meno caratterizzata con disegni e decorazioni in rilievo. Per quanto riguarda i colori, nella maggioranza dei casi si opta per toni neutri, quali il bianco antico, l'avano o il legno naturale. Se però le appliques si collocano nelle camerette dei bambini, si può osare una colorazione più vivace, magari in una delle tonalità pastello tipiche della Provenza, quali il rosa antico, il celeste, il lilla lavanda oppure il giallo chiaro.

Le appliques prevedono poi una struttura portante che si origina nella parete e termina nel porta lampadina e, nella maggior parte dei casi, un paralume, che serve a schermare la luce e impedire che sia troppo forte e diretta. La struttura di base può essere in metallo, ferro battuto o legno, mentre il paralume è spesso in stoffa, ma c'è anche la possibilità di usare il vetro satinato per ottenere un effetto più raffinato. Le lampadine da sistemare nelle appliques dovranno avere una potenza non troppo eccessiva e dovranno essere rigorosamente a luce calda, per ottenere un'atmosfera molto accogliente e rilassante.


Immagine tratta da:
http://www.archiexpo.it

L'uso delle appliques nell'illuminazione provenzale consente al tempo stesso di ottenere luminosità anche in alcuni punti difficilmente raggiungibili da lampadari da soffitto, ad esempio in prossimità di mobili molto alti e ingombranti, che creano inevitabilmente ombra (si pensi ad un grande armadio in camera da letto) e di impreziosire le pareti con un elemento estetico di sicuro effetto, che può essere ammirato anche durante il giorno, quando è spento. Le appliques vengono usate a volte in camera da letto, come sostitute delle lampade da collocare sul comodino. Un altro uso molto frequente riguarda l'illuminazione del giardino. Le appliques si collocano sulla parete esterna della casa e servono a portare luce alla parte del giardino più vicina all'abitazione, nella quale spesso si collocano sedie e tavoli.

Articoli Correlati